Associazione Cuochi Penisola Sorrentina

Nuova pagina 1
 
 





L' Associazione Cuochi Penisola Sorrentina nata nel 1972, ha una storia più che trentennale costellata da numerosi successi frutto dell'alta capacità e professionalità messe in "campo" da camerieri, maitre e chefs, a quest'ultimi erano affidate le fortune di quelle cucine, ove venivano elaborati i menus qualificanti e particolari per ogni complesso turistico e alberghiero, senza escludere, fra questi, quelli relativi alla pura e semplice ristorazione che sono valse la classificazione di Sorrento e la sua Penisola a primi posti nelle guide internazionali. Ad aumentare la "quotazione" culinaria sorrentina sono entrati in gioco i "pasticcieri" grazie alle loro invenzioni su tutte "le delizie al limone". L'associazione Cuochi penisola sorrentina ha svolto, sempre, la sua attività impegnandosi nelle iniziative della Federcuochi e la sua vetta più apprezzata è stata la collaborazione del 2° Raduno Nazionale del "Collegium Cocorum" (1993) Nella giornata che toccò a Sorrento fu dimostrato, oltre che la propria capacità organizzativa come essa era inserita nella struttura sociale del comprensorio.

La tradizione gastronomica Sorrentina

Sorrento ha una storia che si perde nei secoli, diversi secoli prima della nascita di Cristo; esisteva prima ancora che fosse fondata a Roma. La sua forza economica era l'agricoltura e l'attività marinara, nella prima si distingueva per la produzione del vino e l'allevamento del bestiame: La carne di vitella sorrentina era molto ricercata. il vino di produzione locale (il Surrentinum) era molto famoso ed oggetto di esportazione a Pompei e a Roma; secondo la tradizione, era gustato in calici di una particolare ceramica prodotta a Sorrento e di cui si trova notizia in un epigramma di Macedonio di Tessalonica. Fino al secolo scorso sulle tavole sorrentine era solito comparire una "torta di noci al miele " ed ogni pranzo finiva con il famoso "nocino". Fra i piatti più famosi della penisola il Prof. Falcone ha indicato la "minestra maritata", la "zuppa di fave", i "maccheroni" 'ncasciati" (incaciati) le "pastiere pasquali", ed i "cannelloni".Ed oggi aggiungiamo le famose "delizie al limone" ideate dal Cavalier Carmine Marzuillo che per anni ha guidato la associazione

 

 
 

Rif. Bibiliografici: 1972-1992 Associazioni Cuochi penisola sorrentina; Avv. Cuomo A.

Nuova pagina 1

  © 2004 - 2016  www.assocuochipenisolasorrentina.it

• Privacy • Copyright • Credits